Villa Maraffa

Villa Maraffa, Ravenna, Italia

 

Anno di realizzazione_in corso

Città_Ravenna

Il complesso di Villa Maraffa, la cui denominazione deriva dalla proprietà dei suoi ottocenteschi possessori, i “Maraffi”, comprende la presenza della Villa storica, un corpo annesso in anni successivi, il retrostante lavatoio e la casa colonica sita in vicinanza della villa stessa. Si hanno poche notizie certe su tale proprietà e sullo sviluppo temporale dell’intero complesso. I primi proprietari rintracciabili sono i Maraffi, poi si succedono i Tomacelli, Monsignor Peppi, la Mensa Arcivescovile di Ravenna, infine l’Orfanotrofio femminile Galletti-Abbiosi. Nell’arco di circa cento anni, il fabbricato e i suoi annessi vengono trasmessi per varie ragioni a ben sei proprietari, che contribuiscono, in misura maggiore o minore, a modificarne l’assetto originario e il rapporto con il contesto ambientale.

Descrizione dei lavori_ Progetto di recupero del complesso vincolato di Villa Maraffa e del parco adiacente, sito in Russi (Ravenna) attraverso la ristrutturazione, il restauro, la ricostruzione e la nuova costruzione di edifici, rispettosi del contesto circostante. L’intento sarà quello di utilizzare materiali tradizionali uniti a nuovi materiali tipici della architettura moderna, quali strutture in vetro e acciaio per ascensori e corpi di collegamento. Al fine di poter recuperare la villa e l’intero complesso ad un uso consono alle sue caratteristiche e di reale fattibilità, si è pensato che l’intero complesso potesse essere trasformato da orfanotrofio in una Residenza per anziani


CARLO M. ARCHITECT

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Vivamus vestibulum lorem lacus, sed dapibus sapien scelerisque eget. Aliquam eget neque felis. Mauris auctor a risus non porta. Proin tristique iaculis consequat. Duis eu diam dui. Vestibulum ac pharetra augue, eget interdum enim. Sed varius ex eget ipsum elementum ultricies sit amet vitae dolor. Morbi sit amet tincidunt neque, nec volutpat velit. Praesent sit amet nisi et sem rhoncus venenatis. Nullam gravida facilisis velit ut interdum. . . .